ORA DI PUNTA

La squadra

del cuore

di Stefano Clerici

Era prevedibile e naturale che Matteo Renzi commentasse come ha commentato i risultati delle elezioni regionali in Emila-Romagna e in Calabria. Mettendo fortemente l'accento sull'esito finale del voto ("Negli ultimi otto mesi ci sono state cinque elezioni regionali, che il mio partito ha vinto 5 a 0") e facendo invece spallucce sul devastante astensionismo ("La non grande affluenza è un elemento che deve preoccupare ma che è secondario"). Perché se avesse voluto soffermarsi sulle cifre assolute del consenso avrebbe dovuto riconoscere che il "suo" Pd ha subito una micidiale emorragia di voti, come mai avvenuta a memoria d'uomo: dimezzati rispetto alle precedenti regionali e finanche rispetto al mitico risultato delle ultime europee. E avrebbe dovuto anche riconoscere, il prode Matteo, che la sua ostinata volontà di rottamare tutto e tutti, di cambiare pelle e perfino storia a decenni di tradizione democratica, non può essere un'operazione indolore. Ma tant'è.
Matteo Renzi sta tentando un'acrobazia che neppure uno statista del calibro e del peso di Aldo Moro, con le sue "convergenze parallele", avrebbe mai osato pensare: sta dando vita a un partito democristiano collocato nell'area del socialismo europeo. Quella di schierare finalmente il Pd nella famiglia del Pse - cancellando con un deciso tratto di penna i mille ostacoli ideologici frapposti per anni dai miopi esponenti dell'ex Margherita - è stata una mossa tanto coraggiosa quanto astuta. Mai colpevolmente portata a termine dagli eredi della sinistra democratica. I fu democristiani avevano tanta paura di doversi infilare la "camicia rossa"? Bene, ha pensato la Volpe fiorentina, noi entriamo lo stesso nella casa "rossa" (che in verità è solo un rosa pallido) e poi ci vestiamo tutti di bianco. Biancofiore. Geniale, non c'è che dire.
Lui potrà pure vincere 5 a zero, ma non può pretendere di riempire lo stadio, se per molti tifosi quella che lui mette in campo non è più la squadra del cuore.

  Martedì 25 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Da Brisbane la grande sfida delle infrastrutture globali *Abbiamo...
Rispondere alla domanda che arriva dal massiccio non-voto *Sottovalutare...
La coraggiosa sfida di Obama al Congresso sull'immigrazione *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIOMERCATO

Roma-Bojan: sì

Tecnico Inter, è rebus

Redazione

Sabato, è sabato anche per il calciomercato. Voci e movimenti in tono minore. Intanto però dalla Spagna confermano che Bojan Krkic la prossima stagione giocherà nella Roma. Secondo la stampa catalana i giallorossi sarebbero pronti a offrire 10 milioni di euro, somma ritenuta congrua dai blaugrana che però vorrebbero inserire una clausola per assicurarsi il possibile riacquisto del giocatore a una cifra fissa (si parla di un 20% in più per cui se venisse ceduto a 10 milioni, il Barca potrebbe riprenderselo per 12). La Roma sempre in casa Barcellona vuole pescare il nuovo esterno destro: Martin Montoya, attualmente impegnato come Bojan agli Europei under 21. Per il giovane promettente Montoya, è pronta un'offerta di 1-2 milioni di euro a fronte di una clausola di rescissione di 3 milioni di euro. Altri giocatori in arrivo in maglia giallorossa sono: il portiere Viviano, quest’anno al Bologna, il centrocampista uruguaiano Ramirez, sempre del Bologna, e l’esterno sinistro francese dell’Arsenal. Matteo Brighi resta perché rientra nel progetto Roma.

Dirigenti Roma. Franco Baldini ha ricevuto il via libera dalla Federazione inglese per continuare a lavorare part-time con la nazionale britannica dopo le qualificazioni ad Euro 2012. Un via libera che consente a Baldini di svolgere il ruolo di dg della nuova Roma americana. Ma da ottobre. Intanto, arriva la conferma che della vecchia guardia societaria, è stato silurato solo Montali. Confermato anche Bruno Conti come responsabile del settore giovanile. Il campione del mondo di Spagna ’82 ha avuto un colloquio sincero col nuovo ds Sabatini. Al termine Bruno Conti ha detto: "Era giusto fare questo colloquio e, al di là dei rapporti d'amicizia con Sabatini, è stato bello e gratificante sentirsi dire che la società non ha intenzione di cambiare il settore giovanile”.

Asta per Sanchez. Per “el nino maravilla” il Manchester United è in pole, il City alla finestra; all’asta partecipano anche il Barcellona, l’Inter e la Juventus. I pozzo per il cileno vogliono almeno 30-35 milioni di euro. I friulani hanno già individuato il sostituto di Sanchez: è Pablo Piatti, argentino con passaporto italiano, attualmente all'Almeria. Trattativa in discesa, si può chiudere intorno agli 8 milioni di euro.

Vucinic, la Juventus rallenta. L’attaccante montenegrino è stato dichiarato incedibile dalla Roma, se non per 20 milioni di euro. I bianconeri offrono ai giallorossi in contropartita Amauri o Iaquinta, proposta che però non entusiasma la dirigenza romanista.

Brusca frenata Inler-Napoli. Il centrocampista dell'Udinese non vuole rinunciare a un contratto pubblicitario come testimonial in Svizzera della Nike, mentre per il club partenopeo quella dei diritti d'immagine che vanno alla società è una regola ferrea. Dell'intoppo potrebbe approfittare la Juve, che da tempo corteggia il giocatore offrendogli un contratto più ricco: 2.2 milioni di euro all’anno, rispetto all’1.7 offerti da De Laurentiis.

Tecnico Inter. La Federcalcio inglese blinda Fabio Capello: "Non abbiamo dubbi sul fatto che Fabio rimarrà legato al suo ruolo, sperando che ci guidi a un torneo di successo in Polonia e Ucraina. La cosa più importante, comunque, è concentrarci sulla qualificazione da centrare in autunno, prepararci per gli Europei e fare bene. Il pareggio con la Svizzera è stato deludente ma siamo ancora padroni del nostro destino e siamo sempre al fianco di Fabio, come lo siamo sempre stati da quando siamo tornati dal Sudafrica". Moratti allora punta forte su Villas Boas che continua a dire di non volersi muovere dal Portogallo. Comunque Marco Branca è nel paese lusitano per provare a portarlo in Italia. L’amministratore delegato nerazzurro Paolillo tranquillizza i tifosi dicendo: “Presto saprete il nome del nuovo allenatore”. Mihailovic è out perché sotto contratto con la Fiorentina, ma per Sinisa la tentazione è forte e tutto è ancora possibile. Delio Rossi invece informa di non essere stato contattato né dall’Inter, né dalla Fiorentina.

Un gradito ritorno. Il Gubbio, neopromosso in Serie B, ha affidato la panchina a Fabio Pecchia, 37 anni.

Fabio Camillacci

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

I GUASTI DEL SISTEMA CALCIO ITALIA25 NOVEMBRE 2014