ORA DI PUNTA

Pirro da

Pontassieve

di Ennio Simeone

L'11 gennaio Matteo Renzi compirà 40 anni: è il più giovane presidente del Consiglio della Repubblica  nata dal referendum del 1946, ma ha già alle spalle (oltre agli anni da scout a Pontassieve e ai 48 milioni vinti alla "Ruota della fortuna" di Mike Bongiorno nel '94) cinque anni da presidente della Provincia di Firenze e altrettanti da sindaco di quella città. Non è un principiante, anzi è ormai, oltre che un brillante comunicatore televisivo, un consumato politico. Eppure la scorsa notte, appena conosciuti i primi dati delle elezioni regionali di Calabria e Emilia Romagna, si è lasciato andare, con la solita fretta, sul solito twitter, a un commento da principiante: "Male affluenza, bene risultati: 2-0 netto. 4 regioni su 4 strappate alla destra in 9 mesi. Lega asfalta Forza Italia e Grillo. Pd sopra il 40%".

Non ce ne sarebbe bisogno, ma forse è il caso di ricordare, e non solo a Matteo Renzi, che già 280 anni prima di Cristo, Pirro, re dell'Epiro, allora anche lui quarantenne, cantò vittoria per aver sconfitto nella battaglia di Eraclea il potente esercito romano senza curarsi delle enormi perdite subite, in uomini e armamenti lasciati sul terreno, che gli avrebbero fatto perdere la guerra. Quella battaglia è passata alla storia come "la vittoria di Pirro".

Sul "terreno" della battaglia elettorale in Emilia Romagna (dove il candidato "renziano" Stefano Bonaccini ha ottenuto il 49% contro il 30% del leghista Fabbri) sono rimasti il 63 per cento degli elettori, che hanno rinunciato a recarsi alle urne, mentre poco meno, il 56 per cento, hanno rinunciato a votare in Calabria (dove il Pd ha vinto con il 61% ottenuto da un candidato "non renziano", Mario Oliverio, uomo della "vecchia guardia" da "rottamare").

Una fuga dalle urne che è una Caporetto della democrazia, una prova di sfiducia che non ha precedenti  nella storia politica italiana: non era immaginabile fino a un anno fa che il presidente di una delle regioni più "politicizzate", come l'Emilia Romagna, venisse eletto con il consenso di meno del 19% del corpo elettorale.

Colpa solo della esasperata personalizzazione della politica, scivolata verso l'imperante demagogia qualunquista del "berlusconismo" in salsa "renziana" enfatizzato dalle televisioni? Certamente sì. Ma non solo: colpa anche di chi non ha saputo finora contrastare questa deriva, inducendo alla rinuncia e alla rassegnazione coloro che non sono disposti ad accettarla. Perciò è urgente offrire loro un'alternativa. In nome, almeno, di valori che stanno finendo anch'essi nel tritacarne della rottamazione: giustizia sociale, equità, rispetto del lavoro e delle istituzioni, concretezza, serietà. Non c'è bisogno di elencarli. Sono scritti nella Costituzione.

 

  Lunedì 24 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Tassi Forex, grandi banche e manipolazione dei mercati *...
Il cemento che tiene unito questo nostro paese *...
Democratici incapaci di valorizzare i successi di Obama...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIOMERCATO

Roma-Bojan: sì

Tecnico Inter, è rebus

Redazione

Sabato, è sabato anche per il calciomercato. Voci e movimenti in tono minore. Intanto però dalla Spagna confermano che Bojan Krkic la prossima stagione giocherà nella Roma. Secondo la stampa catalana i giallorossi sarebbero pronti a offrire 10 milioni di euro, somma ritenuta congrua dai blaugrana che però vorrebbero inserire una clausola per assicurarsi il possibile riacquisto del giocatore a una cifra fissa (si parla di un 20% in più per cui se venisse ceduto a 10 milioni, il Barca potrebbe riprenderselo per 12). La Roma sempre in casa Barcellona vuole pescare il nuovo esterno destro: Martin Montoya, attualmente impegnato come Bojan agli Europei under 21. Per il giovane promettente Montoya, è pronta un'offerta di 1-2 milioni di euro a fronte di una clausola di rescissione di 3 milioni di euro. Altri giocatori in arrivo in maglia giallorossa sono: il portiere Viviano, quest’anno al Bologna, il centrocampista uruguaiano Ramirez, sempre del Bologna, e l’esterno sinistro francese dell’Arsenal. Matteo Brighi resta perché rientra nel progetto Roma.

Dirigenti Roma. Franco Baldini ha ricevuto il via libera dalla Federazione inglese per continuare a lavorare part-time con la nazionale britannica dopo le qualificazioni ad Euro 2012. Un via libera che consente a Baldini di svolgere il ruolo di dg della nuova Roma americana. Ma da ottobre. Intanto, arriva la conferma che della vecchia guardia societaria, è stato silurato solo Montali. Confermato anche Bruno Conti come responsabile del settore giovanile. Il campione del mondo di Spagna ’82 ha avuto un colloquio sincero col nuovo ds Sabatini. Al termine Bruno Conti ha detto: "Era giusto fare questo colloquio e, al di là dei rapporti d'amicizia con Sabatini, è stato bello e gratificante sentirsi dire che la società non ha intenzione di cambiare il settore giovanile”.

Asta per Sanchez. Per “el nino maravilla” il Manchester United è in pole, il City alla finestra; all’asta partecipano anche il Barcellona, l’Inter e la Juventus. I pozzo per il cileno vogliono almeno 30-35 milioni di euro. I friulani hanno già individuato il sostituto di Sanchez: è Pablo Piatti, argentino con passaporto italiano, attualmente all'Almeria. Trattativa in discesa, si può chiudere intorno agli 8 milioni di euro.

Vucinic, la Juventus rallenta. L’attaccante montenegrino è stato dichiarato incedibile dalla Roma, se non per 20 milioni di euro. I bianconeri offrono ai giallorossi in contropartita Amauri o Iaquinta, proposta che però non entusiasma la dirigenza romanista.

Brusca frenata Inler-Napoli. Il centrocampista dell'Udinese non vuole rinunciare a un contratto pubblicitario come testimonial in Svizzera della Nike, mentre per il club partenopeo quella dei diritti d'immagine che vanno alla società è una regola ferrea. Dell'intoppo potrebbe approfittare la Juve, che da tempo corteggia il giocatore offrendogli un contratto più ricco: 2.2 milioni di euro all’anno, rispetto all’1.7 offerti da De Laurentiis.

Tecnico Inter. La Federcalcio inglese blinda Fabio Capello: "Non abbiamo dubbi sul fatto che Fabio rimarrà legato al suo ruolo, sperando che ci guidi a un torneo di successo in Polonia e Ucraina. La cosa più importante, comunque, è concentrarci sulla qualificazione da centrare in autunno, prepararci per gli Europei e fare bene. Il pareggio con la Svizzera è stato deludente ma siamo ancora padroni del nostro destino e siamo sempre al fianco di Fabio, come lo siamo sempre stati da quando siamo tornati dal Sudafrica". Moratti allora punta forte su Villas Boas che continua a dire di non volersi muovere dal Portogallo. Comunque Marco Branca è nel paese lusitano per provare a portarlo in Italia. L’amministratore delegato nerazzurro Paolillo tranquillizza i tifosi dicendo: “Presto saprete il nome del nuovo allenatore”. Mihailovic è out perché sotto contratto con la Fiorentina, ma per Sinisa la tentazione è forte e tutto è ancora possibile. Delio Rossi invece informa di non essere stato contattato né dall’Inter, né dalla Fiorentina.

Un gradito ritorno. Il Gubbio, neopromosso in Serie B, ha affidato la panchina a Fabio Pecchia, 37 anni.

Fabio Camillacci

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO: ITALIA-ALBANIA 1-018 NOVEMBRE 2014