ORA DI PUNTA

Pirro da

Pontassieve

di Ennio Simeone

L'11 gennaio Matteo Renzi compirà 40 anni: è il più giovane presidente del Consiglio della Repubblica  nata dal referendum del 1946, ma ha già alle spalle (oltre agli anni da scout a Pontassieve e ai 48 milioni vinti alla "Ruota della fortuna" di Mike Bongiorno nel '94) cinque anni da presidente della Provincia di Firenze e altrettanti da sindaco di quella città. Non è un principiante, anzi è ormai, oltre che un brillante comunicatore televisivo, un consumato politico. Eppure la scorsa notte, appena conosciuti i primi dati delle elezioni regionali di Calabria e Emilia Romagna, si è lasciato andare, con la solita fretta, sul solito twitter, a un commento da principiante: "Male affluenza, bene risultati: 2-0 netto. 4 regioni su 4 strappate alla destra in 9 mesi. Lega asfalta Forza Italia e Grillo. Pd sopra il 40%".

Non ce ne sarebbe bisogno, ma forse è il caso di ricordare, e non solo a Matteo Renzi, che già 280 anni prima di Cristo, Pirro, re dell'Epiro, allora anche lui quarantenne, cantò vittoria per aver sconfitto nella battaglia di Eraclea il potente esercito romano senza curarsi delle enormi perdite subite, in uomini e armamenti lasciati sul terreno, che gli avrebbero fatto perdere la guerra. Quella battaglia è passata alla storia come "la vittoria di Pirro".

Sul "terreno" della battaglia elettorale in Emilia Romagna (dove il candidato "renziano" Stefano Bonaccini ha ottenuto il 49% contro il 30% del leghista Fabbri) sono rimasti il 63 per cento degli elettori, che hanno rinunciato a recarsi alle urne, mentre poco meno, il 56 per cento, hanno rinunciato a votare in Calabria (dove il Pd ha vinto con il 61% ottenuto da un candidato "non renziano", Mario Oliverio, uomo della "vecchia guardia" da "rottamare").

Una fuga dalle urne che è una Caporetto della democrazia, una prova di sfiducia che non ha precedenti  nella storia politica italiana: non era immaginabile fino a un anno fa che il presidente di una delle regioni più "politicizzate", come l'Emilia Romagna, venisse eletto con il consenso di meno del 19% del corpo elettorale.

Colpa solo della esasperata personalizzazione della politica, scivolata verso l'imperante demagogia qualunquista del "berlusconismo" in salsa "renziana" enfatizzato dalle televisioni? Certamente sì. Ma non solo: colpa anche di chi non ha saputo finora contrastare questa deriva, inducendo alla rinuncia e alla rassegnazione coloro che non sono disposti ad accettarla. Perciò è urgente offrire loro un'alternativa. In nome, almeno, di valori che stanno finendo anch'essi nel tritacarne della rottamazione: giustizia sociale, equità, rispetto del lavoro e delle istituzioni, concretezza, serietà. Non c'è bisogno di elencarli. Sono scritti nella Costituzione.

 

  Lunedì 24 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Tassi Forex, grandi banche e manipolazione dei mercati *...
Il cemento che tiene unito questo nostro paese *...
Democratici incapaci di valorizzare i successi di Obama...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIOMERCATO

Roma: vertice e

4 colpi in arrivo

Redazione

Giornata importante in casa Roma proprio nel decimo anniversario del terzo scudetto: vertice societario con tutti i dirigenti, vecchi e nuovi. Summit indetto dal direttore generale Franco Baldini, che si insedierà ufficialmente a ottobre perché è ancora il general manager della nazionale inglese. Erano presenti anche il ds Sabatini, Pradè, Tempestilli, Mazzoleni, Vito Scala. Del vecchio staff, silurato solo Montali. In bilico la posizione di Bruno Conti, assente alla riunione. Tra gli argomenti all'ordine del giorno: le strategie di mercato, la nuova squadra, le date del ritiro e della campagna abbonamenti. Al termine, l’ex direttore sportivo Daniele Pradè (che avrò comunque un ruolo importante nella Roma a stelle e strisce) ha detto: "E' stata una riunione per definire concretamente i ruoli di ciascuno di noi. Sarà una Roma ad altissimi livelli, una struttura societaria importante con una grande dirigenza, il mio ruolo non è ancora definito. Agli inizi della prossima settimana sarà reso noto l'organigramma. Non si è parlato di investimenti o budget. La scelta di questo giorno non è stata casuale. I tifosi possono stare tranquilli”.

Mercato Roma: quattro colpi in arrivo. In Spagna sono convinti che Krkic Bojan, talentino del Barcellona, la prossima settimana firmerà per i giallorossi. Si parla di prestito con diritto di riscatto. Lunedì l’incontro col presidente del Bologna per definire due acquisti: il portiere Viviano e il centrocampista Ramirez. La Roma guarda anche all’Inghilterra, vicino l’ingaggio del laterale mancino dell’Arsenal, il francese Gael Clichy; ai gunners potrebbe andare Riise. Intanto pare che il Manchester City abbia pronti 35 milioni di euro per De Rossi. Ma Capitan Futuro è tra gli incedibili.

Casting di tecnici per l’Inter. Leonardo se ne è andato al Paris Saint Germain per fare il direttore generale e l’Inter è senza allenatore. Dopo il no dell’ex ct di Argentina e Cile Marcelo Bielsa, Massimo Moratti sfoglia la margherita di trainer disponibili. Come Bielsa, anche Sinisa Mihailovic ha detto no perché sotto contratto con la Fiorentina. I nomi nuovi per la panchina nerazzurra sono: Fabio Capello, Carlos Dunga, Delio Rossi, Andrè Villas Boas, Zico, Gian Piero Gasperini, e Guus Hiddink. Il pronostico di Altroquotidiano: una corsa a due Gasperini-Delio Rossi.

Nuovi malumori nerazzurri. Dopo Sneijder ed Eto’o anche Lucio lancia segnali negativi e lo fa attraverso l’agente Fifa Alessandro Lucci: "Lucio ha tantissimi estimatori, la sua volontà è rimanere all'Inter, ma vuole vedere che sviluppi avrà la situazione in casa nerazzurra”. Perché? Moratti smobilita? Certo che a Milano non è proprio un momento felice per la famiglia Moratti. Intanto sulle parole di Eto’o, Moratti tranquillizza i tifosi: "Non credo proprio che ci sia da preoccuparsi. Nella maniera più assoluta".

Milan, arriva El Shaarawy, preoccupazioni per Thiago Silva. Per il talentino italo-egiziano è fatta, manca solo la firma. L’accordo col Genoa è questo: 6.5 di euro più “il cancelliere” Merkel. Tutto questo mentre si riapre il caso-Thiago Silva. La società rossonera ha smentito le voci di un possibile passaggio del difensore al Barcellona: “Thiago non si muove”. Ma la presa di posizione di Adriano Galliani non è servita a frenare le velleità del Barcellona, che per bocca del presidente Rosell rilancia con una sorta di minaccia: "Col Milan abbiamo un credito legato all'affare Ibrahimovic e se sarà il caso ne approfitteremo".

Napoli molto attivo. Centrocampo e fasce riforzate con Donadel (quinquennale firmato oggi) e Santana; per Mimmo Criscito manca solo la firma, che però continua a slittare da un po’ di giorni. Per Inler c’è l’accordo con l’Udinese, ma il centrocampista svizzero non ha ancora dato l’ok al trasferimento. E per l’avventura in Champions League, De Laurentiis annuncia di aver pronti 20 milioni di euro da girare al River Plate per il talento argentino Erik Lamela.

Lazio, Radu prolunga. L’esterno sinistro rumeno ha rinnovato fino al 2016. Si complica invece la trattativa con Konko: Lotito offre un quinquennale da un milione l’anno più premi; il difensore, che al Genoa fino al 2016 avrebbe preso 1,3 all’anno, chiede un adeguamento a 1,5.

Bologna,nuovo portiere. Con Viviano destinato alla Roma, i felsinei battendo la concorrenza del Parma, ingaggiano il promettente portiere Stojanovic, 18 anni. Arriva dalla serie B austriaca, dal Lustenau. Pausa di riflessione nella trattativa col Brescia per l’attaccante Caracciolo.

Fabio Camillacci

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO: ITALIA-ALBANIA 1-018 NOVEMBRE 2014