ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIOMERCATO

Roma: vertice e

4 colpi in arrivo

Redazione

Giornata importante in casa Roma proprio nel decimo anniversario del terzo scudetto: vertice societario con tutti i dirigenti, vecchi e nuovi. Summit indetto dal direttore generale Franco Baldini, che si insedierà ufficialmente a ottobre perché è ancora il general manager della nazionale inglese. Erano presenti anche il ds Sabatini, Pradè, Tempestilli, Mazzoleni, Vito Scala. Del vecchio staff, silurato solo Montali. In bilico la posizione di Bruno Conti, assente alla riunione. Tra gli argomenti all'ordine del giorno: le strategie di mercato, la nuova squadra, le date del ritiro e della campagna abbonamenti. Al termine, l’ex direttore sportivo Daniele Pradè (che avrò comunque un ruolo importante nella Roma a stelle e strisce) ha detto: "E' stata una riunione per definire concretamente i ruoli di ciascuno di noi. Sarà una Roma ad altissimi livelli, una struttura societaria importante con una grande dirigenza, il mio ruolo non è ancora definito. Agli inizi della prossima settimana sarà reso noto l'organigramma. Non si è parlato di investimenti o budget. La scelta di questo giorno non è stata casuale. I tifosi possono stare tranquilli”.

Mercato Roma: quattro colpi in arrivo. In Spagna sono convinti che Krkic Bojan, talentino del Barcellona, la prossima settimana firmerà per i giallorossi. Si parla di prestito con diritto di riscatto. Lunedì l’incontro col presidente del Bologna per definire due acquisti: il portiere Viviano e il centrocampista Ramirez. La Roma guarda anche all’Inghilterra, vicino l’ingaggio del laterale mancino dell’Arsenal, il francese Gael Clichy; ai gunners potrebbe andare Riise. Intanto pare che il Manchester City abbia pronti 35 milioni di euro per De Rossi. Ma Capitan Futuro è tra gli incedibili.

Casting di tecnici per l’Inter. Leonardo se ne è andato al Paris Saint Germain per fare il direttore generale e l’Inter è senza allenatore. Dopo il no dell’ex ct di Argentina e Cile Marcelo Bielsa, Massimo Moratti sfoglia la margherita di trainer disponibili. Come Bielsa, anche Sinisa Mihailovic ha detto no perché sotto contratto con la Fiorentina. I nomi nuovi per la panchina nerazzurra sono: Fabio Capello, Carlos Dunga, Delio Rossi, Andrè Villas Boas, Zico, Gian Piero Gasperini, e Guus Hiddink. Il pronostico di Altroquotidiano: una corsa a due Gasperini-Delio Rossi.

Nuovi malumori nerazzurri. Dopo Sneijder ed Eto’o anche Lucio lancia segnali negativi e lo fa attraverso l’agente Fifa Alessandro Lucci: "Lucio ha tantissimi estimatori, la sua volontà è rimanere all'Inter, ma vuole vedere che sviluppi avrà la situazione in casa nerazzurra”. Perché? Moratti smobilita? Certo che a Milano non è proprio un momento felice per la famiglia Moratti. Intanto sulle parole di Eto’o, Moratti tranquillizza i tifosi: "Non credo proprio che ci sia da preoccuparsi. Nella maniera più assoluta".

Milan, arriva El Shaarawy, preoccupazioni per Thiago Silva. Per il talentino italo-egiziano è fatta, manca solo la firma. L’accordo col Genoa è questo: 6.5 di euro più “il cancelliere” Merkel. Tutto questo mentre si riapre il caso-Thiago Silva. La società rossonera ha smentito le voci di un possibile passaggio del difensore al Barcellona: “Thiago non si muove”. Ma la presa di posizione di Adriano Galliani non è servita a frenare le velleità del Barcellona, che per bocca del presidente Rosell rilancia con una sorta di minaccia: "Col Milan abbiamo un credito legato all'affare Ibrahimovic e se sarà il caso ne approfitteremo".

Napoli molto attivo. Centrocampo e fasce riforzate con Donadel (quinquennale firmato oggi) e Santana; per Mimmo Criscito manca solo la firma, che però continua a slittare da un po’ di giorni. Per Inler c’è l’accordo con l’Udinese, ma il centrocampista svizzero non ha ancora dato l’ok al trasferimento. E per l’avventura in Champions League, De Laurentiis annuncia di aver pronti 20 milioni di euro da girare al River Plate per il talento argentino Erik Lamela.

Lazio, Radu prolunga. L’esterno sinistro rumeno ha rinnovato fino al 2016. Si complica invece la trattativa con Konko: Lotito offre un quinquennale da un milione l’anno più premi; il difensore, che al Genoa fino al 2016 avrebbe preso 1,3 all’anno, chiede un adeguamento a 1,5.

Bologna,nuovo portiere. Con Viviano destinato alla Roma, i felsinei battendo la concorrenza del Parma, ingaggiano il promettente portiere Stojanovic, 18 anni. Arriva dalla serie B austriaca, dal Lustenau. Pausa di riflessione nella trattativa col Brescia per l’attaccante Caracciolo.

Fabio Camillacci

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014