ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Referendum nucleare. Il quorum non è dietro l'angolo: recuperare la scarsa informazione

1) Il Governo ha paura dei referendum e in particolare di quello sul nucleare.  Per questo ha tentato, a costo di una clamorosa retromarcia, di non fare votare il referendum sul nucleare, ritenuto dal Governo il più pericoloso e quello in grado di arrivare al quorum, trascinando anche gli altri.

Eppure il Governo aveva fortemente voluto la legge per reintrodurre il nucleare in Italia. Fino al punto di farla approvare nel 2009 con il voto di fiducia. Poi il Governo ha avuto paura e ha innestato una clamorosa retromarcia per evitare la sconfitta diretta sul nucleare e la possibilità che anche gli altri referendum raggiungessero il quorum.

2) Il Governo italiano, a differenza di quello tedesco, ha tentato di accompagnare la cancellazione delle norme di legge sul nucleare con la possibilità di tornarci sopra più avanti. Il Governo ha sbagliato per eccesso di furberia (in realtà senza norme di legge precise il nucleare non si può realizzare) ad esempio ritenendo possibile riprendere il nucleare più avanti senza nemmeno una legge adeguata e ritenendo che le acque potrebbero calmarsi. Non comprendendo che l’incidente di Fukushima ci accompagnerà – purtroppo – per anni e nessuno oggi sa dire come si risolverà e quale ne sarà il bilancio. La Cassazione ha bloccato questa manovra e ha obbligato al voto sulla nuova norma di legge approvata.

Il Governo tedesco al contrario di quello italiano ha cancellato, sia pure gradualmente, il programma nucleare senza tentare furbate come quello italiano. Anzi ha contemporaneamente rilanciato le energie da fonti rinnovabili, in cui la Germania è già leader europeo, confermando così che nucleare ed energie rinnovabili sono 2 scelte tra loro alternative. Anche in Francia ci sono novità importanti. I socialisti francesi stanno pensando di andare alle prossime presidenziali con la proposta di uscire gradualmente dal nucleare e sarebbe una svolta storica ancora maggiore tenuto conto che la Francia è il paese più nucleare d’Europa.

3) Il fronte nuclearista italiano è in crisi e probabilmente cercherà di puntare tutte le sue carte sull’astensione dal voto per tentare di fare mancare il quorum sul nucleare e sugli altri referendum. Eppure ormai è chiaro che l’energia elettrica che il nucleare può produrre non è affatto più conveniente di quella di altre fonti, che il pericolo intrinseco della tecnologia nucleare (sia nel normale funzionamento che in caso di incidenti) è inaccettabile e che il problema delle scorie radioattive non è risolto e in particolare non è risolto nei 2 paesi che hanno più centrali nucleari nel mondo come Usa e Francia, che procedono con i piedi di piombo, contrariamente ai presunti esperti italiani che hanno detto un mare di stupidaggini sulle scorie radioattive e sulla loro presunta non pericolosità. Ma questo fronte non ragiona sulla base dei fatti ma delle sue convenienze, create da un enorme mole di affari e di appalti concentrati in pochi siti, per di più le risorse buttate nel nucleare verrebbero sottratte alle rinnovabili. Del resto non è un caso che in parallelo all’avventura nucleare il Governo non ha trovato di meglio che adottare provvedimenti che hanno creato enormi difficoltà al settore delle energie rinnovabili, come del resto poco tempo fa aveva tentato di eliminare la detrazione fiscale del 55 % per il risparmio energetico negli edifici.

4) La sentenza della Cassazione consente alle elettrici e agli elettori di cancellare definitivamente il nucleare in Italia per i prossimi anni, togliendo di mezzo le manovre del Governo. Con la conseguenza di aiutare anche gli altri referendum a raggiungere il quorum. Tuttavia è un impegno da non sottovalutare.

Malgrado i timori del Governo sul voto referendario e la sensazione netta che la maggioranza delle elettrici e degli elettori siano contrari al nucleare non comporta automaticamente il recarsi a votare. Il quorum non è dietro l’angolo, va conquistato. Anzi ci sono insidie che derivano proprio dal risultato importante della sentenza della Corte di cassazione. Ad esempio cosa accadrà per gli elettori all’estero ? Avevano già iniziato a votare sul vecchio quesito e ora che succederà del loro voto ? Il rischio che gli italiani all’estero contribuiscano ad alzare l’asticella del quorum senza essere altrettanto in grado di contribuire a raggiungerla è reale e si tratta di oltre 3 milioni di votanti.

Quindi raggiungere il quorum è in realtà un obiettivo ambizioso e tuttora da conquistare. Occorre quindi lavorare intensamente per recuperare la scarsa informazione sui referendum, che c’era già prima, e per far capire che l’imbroglio del Governo è saltato ma ora occorre andare a votare, altrimenti l’opportunità di chiudere la partita con il nucleare potrebbe essere mancata. Certo il referendum della Sardegna ha dato risultati molto incoraggianti, ma non c’è automaticamente questo risultato a livello nazionale. Per arrivarci occorre lavorare intensamente nei pochi giorni che restano per recuperare errori e ritardi e per fare arrivare la richiesta di andare a votare a tutte e a tutti. Se si farà il quorum il risultato del referendum sul nucleare, come per gli altri è scritto.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014