ORA DI PUNTA

Bersani,

finalmente

di Matteo Cosenza


Bersani ha detto la sua chiaramente: non sono un figurante e non vado, quindi, a fare la comparsa da Renzi. Poi ha ricordato che con il jobs act si costringono i lavoratori (ricordate la parola?) agli anni pre Settanta. Era ora. Sento spesso parlare di abilità del presidente del Consiglio. Io chiederei: ma c’è da fidarsi?

Non è una domanda da poco perché è vero che in politica tattiche e strategie non sempre convergono ma è pur vero che un minimo di affidabilità e di credibilità è necessario nella vita come nella politica. Io di Renzi non mi fido. Le prove ormai sono tante e il jobs act, al di là del giudizio che se ne possa dare, forse è più grave dello “stai sereno” che fregò Enrico Letta e che rientrava per certi versi nel rapporto tra due persone.

L’abolizione dell’articolo 18 non era la naturale conclusione di un iter molto complesso e tormentato, e la delega decisa dal Parlamento non affidava questo compito al governo. Invece lui, Renzi, se n’è fregato, ha deciso, come probabilmente voleva dall’inizio, e poi ha sfacciatamente annunciato che aveva abolito un elemento cruciale dello Statuto dei Lavoratori. Ora c’è in ballo la faccenda delle antenne Rai. Lui, Renzi, assicura che il controllo attraverso il 51 per cento delle azioni resterà in mano pubblica e non finirà in quelle di Berlusconi. Probabilmente sarà così, ma quanta credibilità si può dare ad uno che con le parole - e la Parola - gioca con disinvoltura?

Non saprei dire ma a me questo signore, che ha in questo momento nelle sue mani le sorti del Paese, mi piace molto poco. E prendo atto che finalmente, per quanto troppo tardi, anche una persona per bene come Bersani dimostri di pensarla allo stesso modo.

  Domenica 01 Marzo 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Tutti d'accordo: è indispensabile salvare la rete dell'indotto *...
L'ostacolo giudiziario ai decreti di Obama per l’immigrazione  *...
Deddè, che cosa ha voluto dire essere comunista *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Referendum nucleare. Il quorum non è dietro l'angolo: recuperare la scarsa informazione

1) Il Governo ha paura dei referendum e in particolare di quello sul nucleare.  Per questo ha tentato, a costo di una clamorosa retromarcia, di non fare votare il referendum sul nucleare, ritenuto dal Governo il più pericoloso e quello in grado di arrivare al quorum, trascinando anche gli altri.

Eppure il Governo aveva fortemente voluto la legge per reintrodurre il nucleare in Italia. Fino al punto di farla approvare nel 2009 con il voto di fiducia. Poi il Governo ha avuto paura e ha innestato una clamorosa retromarcia per evitare la sconfitta diretta sul nucleare e la possibilità che anche gli altri referendum raggiungessero il quorum.

2) Il Governo italiano, a differenza di quello tedesco, ha tentato di accompagnare la cancellazione delle norme di legge sul nucleare con la possibilità di tornarci sopra più avanti. Il Governo ha sbagliato per eccesso di furberia (in realtà senza norme di legge precise il nucleare non si può realizzare) ad esempio ritenendo possibile riprendere il nucleare più avanti senza nemmeno una legge adeguata e ritenendo che le acque potrebbero calmarsi. Non comprendendo che l’incidente di Fukushima ci accompagnerà – purtroppo – per anni e nessuno oggi sa dire come si risolverà e quale ne sarà il bilancio. La Cassazione ha bloccato questa manovra e ha obbligato al voto sulla nuova norma di legge approvata.

Il Governo tedesco al contrario di quello italiano ha cancellato, sia pure gradualmente, il programma nucleare senza tentare furbate come quello italiano. Anzi ha contemporaneamente rilanciato le energie da fonti rinnovabili, in cui la Germania è già leader europeo, confermando così che nucleare ed energie rinnovabili sono 2 scelte tra loro alternative. Anche in Francia ci sono novità importanti. I socialisti francesi stanno pensando di andare alle prossime presidenziali con la proposta di uscire gradualmente dal nucleare e sarebbe una svolta storica ancora maggiore tenuto conto che la Francia è il paese più nucleare d’Europa.

3) Il fronte nuclearista italiano è in crisi e probabilmente cercherà di puntare tutte le sue carte sull’astensione dal voto per tentare di fare mancare il quorum sul nucleare e sugli altri referendum. Eppure ormai è chiaro che l’energia elettrica che il nucleare può produrre non è affatto più conveniente di quella di altre fonti, che il pericolo intrinseco della tecnologia nucleare (sia nel normale funzionamento che in caso di incidenti) è inaccettabile e che il problema delle scorie radioattive non è risolto e in particolare non è risolto nei 2 paesi che hanno più centrali nucleari nel mondo come Usa e Francia, che procedono con i piedi di piombo, contrariamente ai presunti esperti italiani che hanno detto un mare di stupidaggini sulle scorie radioattive e sulla loro presunta non pericolosità. Ma questo fronte non ragiona sulla base dei fatti ma delle sue convenienze, create da un enorme mole di affari e di appalti concentrati in pochi siti, per di più le risorse buttate nel nucleare verrebbero sottratte alle rinnovabili. Del resto non è un caso che in parallelo all’avventura nucleare il Governo non ha trovato di meglio che adottare provvedimenti che hanno creato enormi difficoltà al settore delle energie rinnovabili, come del resto poco tempo fa aveva tentato di eliminare la detrazione fiscale del 55 % per il risparmio energetico negli edifici.

4) La sentenza della Cassazione consente alle elettrici e agli elettori di cancellare definitivamente il nucleare in Italia per i prossimi anni, togliendo di mezzo le manovre del Governo. Con la conseguenza di aiutare anche gli altri referendum a raggiungere il quorum. Tuttavia è un impegno da non sottovalutare.

Malgrado i timori del Governo sul voto referendario e la sensazione netta che la maggioranza delle elettrici e degli elettori siano contrari al nucleare non comporta automaticamente il recarsi a votare. Il quorum non è dietro l’angolo, va conquistato. Anzi ci sono insidie che derivano proprio dal risultato importante della sentenza della Corte di cassazione. Ad esempio cosa accadrà per gli elettori all’estero ? Avevano già iniziato a votare sul vecchio quesito e ora che succederà del loro voto ? Il rischio che gli italiani all’estero contribuiscano ad alzare l’asticella del quorum senza essere altrettanto in grado di contribuire a raggiungerla è reale e si tratta di oltre 3 milioni di votanti.

Quindi raggiungere il quorum è in realtà un obiettivo ambizioso e tuttora da conquistare. Occorre quindi lavorare intensamente per recuperare la scarsa informazione sui referendum, che c’era già prima, e per far capire che l’imbroglio del Governo è saltato ma ora occorre andare a votare, altrimenti l’opportunità di chiudere la partita con il nucleare potrebbe essere mancata. Certo il referendum della Sardegna ha dato risultati molto incoraggianti, ma non c’è automaticamente questo risultato a livello nazionale. Per arrivarci occorre lavorare intensamente nei pochi giorni che restano per recuperare errori e ritardi e per fare arrivare la richiesta di andare a votare a tutte e a tutti. Se si farà il quorum il risultato del referendum sul nucleare, come per gli altri è scritto.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

IL MESSAGGIO AGLI ITALIANI
DEL PRESIDENTE MATTARELLA
Interrotto da 42 applausi
del Parlamento in seduta congiunta
3 FEBBRAIO 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: JUVENTUS-ATALANTA 2-120 FEBBRAIO 2015