ORA DI PUNTA

La squadra

del cuore

di Stefano Clerici

Era prevedibile e naturale che Matteo Renzi commentasse come ha commentato i risultati delle elezioni regionali in Emila-Romagna e in Calabria. Mettendo fortemente l'accento sull'esito finale del voto ("Negli ultimi otto mesi ci sono state cinque elezioni regionali, che il mio partito ha vinto 5 a 0") e facendo invece spallucce sul devastante astensionismo ("La non grande affluenza è un elemento che deve preoccupare ma che è secondario"). Perché se avesse voluto soffermarsi sulle cifre assolute del consenso avrebbe dovuto riconoscere che il "suo" Pd ha subito una micidiale emorragia di voti, come mai avvenuta a memoria d'uomo: dimezzati rispetto alle precedenti regionali e finanche rispetto al mitico risultato delle ultime europee. E avrebbe dovuto anche riconoscere, il prode Matteo, che la sua ostinata volontà di rottamare tutto e tutti, di cambiare pelle e perfino storia a decenni di tradizione democratica, non può essere un'operazione indolore. Ma tant'è.
Matteo Renzi sta tentando un'acrobazia che neppure uno statista del calibro e del peso di Aldo Moro, con le sue "convergenze parallele", avrebbe mai osato pensare: sta dando vita a un partito democristiano collocato nell'area del socialismo europeo. Quella di schierare finalmente il Pd nella famiglia del Pse - cancellando con un deciso tratto di penna i mille ostacoli ideologici frapposti per anni dai miopi esponenti dell'ex Margherita - è stata una mossa tanto coraggiosa quanto astuta. Mai colpevolmente portata a termine dagli eredi della sinistra democratica. I fu democristiani avevano tanta paura di doversi infilare la "camicia rossa"? Bene, ha pensato la Volpe fiorentina, noi entriamo lo stesso nella casa "rossa" (che in verità è solo un rosa pallido) e poi ci vestiamo tutti di bianco. Biancofiore. Geniale, non c'è che dire.
Lui potrà pure vincere 5 a zero, ma non può pretendere di riempire lo stadio, se per molti tifosi quella che lui mette in campo non è più la squadra del cuore.

  Martedì 25 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Da Brisbane la grande sfida delle infrastrutture globali *Abbiamo...
Rispondere alla domanda che arriva dal massiccio non-voto *Sottovalutare...
La coraggiosa sfida di Obama al Congresso sull'immigrazione *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Alessandro Cardulli

TREMONTI: LA CRISI C'E' ANCORA

 AFFIDIAMOCI AI DISTRETTI TURISTICI

Ora il ministro Tremonti scopre che “i fattori di causa della crisi economica sono ancora tutti in essere. E per due anni qualcuno ha ingannato i popoli e il mondo facendo finta che fossero i banchieri a decidere le regole della finanza: non è così. E oltretutto la medicina, che sono stati i debiti pubblici, è finita”. E, già che c’è, non può fare a meno di esibire una punta di arroganza quando dice : "Trovo pittoresco che tutta l'attenzione sul decreto di sviluppo si sia concentrata   sulle spiagge di cui non me ne frega un tubo, quello che c'è dentro sono i distretti turistici, che sono fondamentali per questo paese.  Le critiche sono state un atteggiamento pittoresco".

Subito arrivano le reazioni. "La frase sulle spiagge è grave, suona come una messa in liquidazione del paese e ferisce l’Italia e gli italiani” -  afferma Michele Ventura, vicepresidente vicario del gruppo Pd alla Camera.  Il Fai e il Wwf: "Tremonti dovrebbe pensare ai pochi soldi che lo Stato incassa per le concessioni demaniali, vista l’altissima evasione fiscale degli stabilimenti balneari".  Ma il ministro va per la sua strada. Il toccasana  per il Paese, la famosa scossa all’economia, diventano i distretti turistici.

“Qualcuno ha ingannato i popoli”

Solo venerdì Tremonti aveva detto invece che l’Italia “ha dei numeri di crescita” pur ammettendo che dobbiamo fare di più. E ancora qualche giorno prima a Bologna, in campagna elettorale insieme a Bossi, aveva annunciato che il nostro paese poteva dormire sonni tranquilli, visto che  grazie a lui  i conti  erano stati tenuti sotto controllo. E subito le televisioni berlusconiane e i giornali della famiglia avevano suonato le trombe elettorali. Berlusconi  era andato ancora più  in là accusando la sinistra delle peggiori nefandezze economiche, tasse a non finire, se fosse andata al governo. A fronte dei dati  economici veri, non manipolati,  lo stesso Tremonti è corso ai ripari accusando genericamente “qualcuno che  ha ingannato i popoli”. In realtà  questo qualcuno ha un nome e cognome: lui stesso, il governo Berlusconi.

In Europa l’Italia è il fanalino di coda, la crescita è quasi a zero, nel primo trimestre ha racimolato uno 0,1% . Su base annua si prevede un misero 1% in più. La media europea vede un più 0,8 nel trimestre e un più 2,5 annuo. La Germania corre cinque volte più di noi. Peggio di noi solo Portogallo, Irlanda e Grecia. Aggiungiamo i dati relativi alla cassa integrazione che sono sì in diminuzione nel mese di aprile ma, come rende noto l’Osservatorio Cig del dipartimento settore produttivi della Cgil, è sempre rilevante il numero di lavoratori interessati. A fronte dei 92 milioni di ore registrate, infatti, vi sono circa 460 mila persone - di cui poco meno di 160 mila in cassa in deroga - assenti dal lavoro da inizio anno e in questo stesso periodo hanno subito un taglio del salario per 1 miliardo e 250 milioni di euro, pari a 2.600 euro in meno in busta paga.  “ Parlare di ripresa non ha senso - dice Vincenzo Scudiere - segretario confederale Cgil. il trend indica un andamento altalenante dell’economia“

Il Mezzogiorno "palla al piede"

Tremonti scopre che esiste un problema  Mezzogiorno ma ne parla come se fosse una palla al piede. C’è   “una certa incapacità decisionale  delle classi politiche meridionali, sei miliardi di euro di fondi europei non spesi".  Infine, l'annoso deficit delle infrastrutture, "il sud è troppo lontano" ha ricordato Tremonti, "siamo l'unica economia duale dell'Europa". Sembra di ascoltare, per quanto possibile, una delle tante sparate di Bossi. Sarebbe interessante per esempio conoscere che fine abbiano fatto la tanto conclamata banca per il Sud e tante altre amenità raccontate dal governo, tanti impegni presi e mai mantenuti. Ma Tremonti non ha fatto cenno alcuno, non ha indicato uno, diciamo uno, dei provvedimenti che intende prendere per la crescita.

Ha evitato perfino di rispondere a domande che qualche studente che partecipava al convegno tenuto a Bagnaia, in provincia di Siena, gli avrebbe voluto rivolgere.  Mentra stava salendo sull’auto uno studente gli ha detto: “Ministro, se non ci date la possibilità di fare le domande si allontanano i giovani dalla politica".  E Tremonti: "Nessun problema. Torniamo indietro in sala". Ed è rientrato in sala. Ma il presidente dell'Osservatorio Permanente dei Giovani Editori, Andrea Ceccherini, ha spiegato che non c'erano più studenti in sala. Messa in scena andata male.

Alessandro Cardulli

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

I GUASTI DEL SISTEMA CALCIO ITALIA25 NOVEMBRE 2014