ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Primo maggio. Il discorso del Capo dello Stato

1° maggio. Da Marsala a Roma l'impegno di Cgil, Cisl e Uil

Alla ricerca di una nuova unità

Insieme Camusso, Bonanni e Angeletti nella città 

 sbarco dei Mille. Nella capitale i sindacati 

chiudono il Concertone cantando l'inno di Mameli

Angeletti_Camusso_BonanniR400di Sandro Carli

I segretari generali di Cgil, Cisl, Uil hanno concluso insieme la manifestazione nazionale·a Marsala in ricordo anche del··150° anniversario dell’unità d’Italia. Uno dopo l’altro hanno preso  la parola a conclusione del corteo per le vie della città dove l’11 maggio del 1860· sbarcarono i Mille di Garibaldi in camicia rossa. In tutta Italia, salvo qualche eccezione, le manifestazioni ancora una volta vedono le tre Confederazioni riallacciare il filo di un rapporto travagliato, difficile. Due giorni fa Susanna Camusso, Raffaele Bonanni, Luigi Angeletti si erano ritrovati insieme, ricevuti con le rispettive segreterie nazionali e gli ex segretari generali dal presidente della Repubblica.

Da Marsala al concertone di Piazza san Giovanni, dalle grandi città ai più piccoli centri la tradizione di “festa e di lotta” non si perde, mantiene il suo valore, è un segno di unità del Paese, non solo del mondo del· lavoro. Anche se qualche· “rottamatore”, come il sindaco di Firenze ha ingaggiato, insieme ad altri amministratori locali, Milano in primo luogo, una sfida poco edificante contro i sindacati che “esigono” il rispetto di questa·festa e si oppongono anche con lo sciopero a chi,· con ordinanze ed atti amministrativi, vorrebbe imporre l’apertura· di negozi e altre attività lavorative. ·Dice Camusso che “ci sono dei giorni che fanno parte della nostra identità e che non sono trasformabili o commerciali”. Identità del Primo Maggio che si sintetizza nello slogan del manifesto che promuove le manifestazioni : “Il lavoro per unire il paese”.Uno slogan che dalle manifestazioni di oggi è auspicabile riprenda forza per unire, con il Paese, anche il sindacato per quanto possibile. La Cgil ha deciso lo sciopero generale per il 6 maggio a fronte di una situazione sempre più pesante, una crisi economica che ·continua a lasciare il segno nella vita di milioni di famiglie di lavoratori e pensionati.

A  Roma il concertone di Piazza San Giovanni è dedicato a storia, patria e lavoro.il tradizionale evento promosso da Cgil, Cisl, Uil è andato in onda anche su ·Raitre in due parti, dalle 16 alle 18.55 e dalle 20 alle 24. E' stato un connubio tra musica leggera e musica sinfonica: sul palco artisti come Dalla, De Gregori, Gino Paoli, Subsonica, Daniele Silvestri, che la sera si alterneranno con un'orchestra di 72 elementi e 60 coristi. L'ensemble eseguirà, fra l'altro,·"Elegia per l'Italia", il brano scritto per l'occasione dal premio Oscar, Ennio Morricone. Ha aperto Eugenio Finardi con una versione rock dell'Inno di Mameli, ripetuto nella versione classica da orchestra e coro in chiusura, con i rappresentati dei sindacati sul palco. La diretta delle 20 ha avuto come protagonista presentatore Neri Marcorè con 'Dolcenera',·la canzone scritta da Fabrizio De André dopo l'alluvione di Genova del '70, omaggio alle vittime del terremoto in Giappone. Per celebrare l'unità d'Italia, poi, l'Orchestra Roma Sinfonietta ha eseguito brani tratti dal Nabucco, dall'Aida, ma anche "Bella ciao", e renderà un omaggio speciale al maestro Arturo Toscanini.

L'incontro con Napolitano. Quello del presidente della Repubblica non è stato come un semplice  atto di cortesia, in clima di Primo Maggio. Un gesto, quello di Napolitano, che sottolinea l’attenzione e le preoccupazioni per la grave situazione economica e sociale in cui si trova il paese come dimostrato anche dai dati Istat su occupazione e inflazione. Nel corso della cerimonia ufficiale Napolitano ha confermato il valore dell’articolo 1 della Costituzione, la Repubblica fondata sul lavoro, ed  ha espresso la sua apprensione "per la coesione sociale del paese. E la mancanza di unità sindacale porta al peggio dal punto di vista del peso e del ruolo del lavoro  e delle sue rappresentanze". 

I dati dell'Istat. E mentre si svolgeva l'incontro al Quirinale, l'Istat diffondeva i dati sull'occupazione da cui  si ha il segno che  siamo in  presenza di una disoccupazione ormai strutturale., del “fallimento della politica del governo”, rileva Fulvio Fammoni, segretario confederale della Cgil. Marzo siamo arrivati all’8,3% con un aumento rispetto all’anno passato dell’1,3%. La disoccupazione giovanile ha raggiunto il 28,6% continuando a salire così come la disoccupazione delle donne ( +1,8%). Due milioni e mezzo di ragazze e ragazzi non lavorano e non studiano. L’80% dei giovani occupati sono precari. In questo quadro desolante cresce l’inflazione salita al 2,6%, livello massimo dal 2008 mentre i consumi diminuiscono negli ultimi tre anni del 6,5% e il credito al consumo del 5,3. Una miscela esplosiva che mette insieme inflazione e stagnazione e che secondo Federconsumatori e Adusbef  ha un costo per le famiglie di ben 1897 euro.

Gallino: catastrofica la pletora di lavori atipici. In una intervista rilasciata a Rassegna.it il sociologo Luciano Gallino sottolinea che non c’è soluzione alla cresi e alle crescenti disuguaglianze, non ci sarà  crescita “  se non vengono adottate nuove politiche economiche, nuove politiche del lavoro. Si deve in primo luogo buttare nel cestino la legislazione sul lavoro degli ultimi vent’anni e sostituirla con una di segno opposto. Oggi sono ammesse fino a quarantacinque tipologie di lavoro precario, senza considerare quelle dell’economia sommersa. E’ necessario annullare questa catastrofica pletora di lavori atipici per tornare al primato del contratto unico a tempo indeterminato e orario pieno, corredato di quattro o cinque deroghe perché sia le persone che le imprese possono avere bisogno di lavoro a termine. Sarebbe compito della legislazione definire che il lavoro è  senza scadenza. Sancire questo principio converrebbe economicamente e rispetterebbe l’identità e la dignità della persona”. Poi parla di “enormi iniquità del nostro sistema fiscale per cui un lavoratore con un salario tra i 15 e 20 mila euro di reddito annuo, sia pure con un po’ di detrazioni, è assoggettato a un’aliquota minima del 23 per cento, mentre un manager che guadagna 5 milioni di plusvalenze, grazie al meccanismo delle stock options sulle azioni, paga il 12,5 . Un sistema fiscale di questo genere è oscenamente iniquo e incide in modo negativo sulle entrate dello Stato” Conclude ricordando  che l’economia sommersa è valutata ormai attorno al 20 per cento del Pil. Parliamo di circa 300 miliardi: al fisco generale sono sottratti così poco meno di 120 miliardi.

Commenti  

 
0 #2 Lucio 2011-05-02 15:16
E' stato davvero bello vedere tutti uniti cantare l'Inno di Mameli. Magari ci fosse sempre questa coesione
.
Lucio :-*
Citazione
 
 
0 #1 Loris 2011-05-01 02:56
Ma che dice il vostro Sandro Carli se i sindacati hanno lasciato libera scelta ai negozianti di restare aperti o meno? Bonanno mi sembra abbia concordato anche con gli altri sindacati questa scelta....
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014