ORA DI PUNTA

"Renzellum"

peggiore

del "porcellum"

di Nuccio Fava

L’abbiamo criticata sin dall’inizio e purtroppo questa legge elettorale maggioritaria, nata brutta e sbagliata, è restata brutta e pericolosa anche alla fine. La contraddizione più vistosa è rispetto al "porcellum" che tutti biasimavano indignati e che la Corte aveva dichiarato incostituzionale. Purtroppo il "renzellum" va nella stessa direzione: nominati e non eletti i rappresentanti del popolo sovrano; premio di maggioranza spropositato a chi vince le elezioni anche col solo 22-25%. Tutto è stato giocato sull’equivoco della rappresentanza delle minoranze per le quali la soglia di sbarramento è stata ridotta addirittura al 3%, quindi  poltiglia di piccole opposizioni diverse, in sostanza con un mero diritto di tribuna e di microfono. La stessa invocazione dell’alternanza ne esce gravemente mistificata.

Sotto il mantello della stabilità, problema non adeguatamente affrontato dai padri costituenti, che temevano il ricordo della triste ventennale dittatura fascista, il "renzellum" ha scelto la strada pericolosa di concentrare il potere nelle mani del presidente-segretario, dominus incontrastato. Anche il Parlamento finirà sotto il controllo di palazzo Chigi: Parlamento composto da nominati e non dalla scelta dei cittadini, docili alle direttive del capo come si è visto durante le sedute per l’approvazione della nuova legge fino addirittura alla richiesta della fiducia che è parsa la maggiore e più grave forzatura.

Renzi ha dunque vinto, anzi stravinto ottenendo ciò he voleva. Ma l’ingegneria costituzionale è sempre uno strumento e la sua efficacia democratica dipende dagli obbiettivi e dalle garanzie che deve sapere offrire in vista di risultati utili al Paese. Già oggi è in corso una imponente manifestazione unitaria per i problemi della scuola, per protestare contro la riforma del ministro Giannini e fortemente voluta e strombazzata dal presidente del Consiglio. C’è il problema non indifferente delle risorse da reperire dopo la sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni, resta il dramma dei migranti che a migliaia approdano sulle nostre coste, riproponendo in termini generali molto seri la responsabilità di tutta l’Europa così carente ed inadeguata nonostante le rassicurazioni parolaie del nostro presidente del Consiglio.

A cominciare da questi temi, dall’angoscia per la disoccupazione che non diminuisce  e la condizione economica tutt’altro che rassicurante, si apre comunque una nuova fase politica che riguarderà anche le minoranze dissidenti del Pd. I vari Bersani, Letta, Bindi, Speranza, Civati, Cuperlo, Fassina, eccetera dovranno sapere affrontare responsabilità accresciute dopo la dolorosa vicenda del "renzellum". Anche da loro servono indicazioni urgenti di linea politica e contenuti programmatici non rinviabili.        

 

  Martedì 05 Maggio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Ma davvero Jeb Bush è un “falso” repubblicano? *...
Quella mamma nera durante gli scontri di Baltimora *...
I derivati e il fallimento del metodo economico *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Berlusconi candida Alfano e incassa il processo breve

ANTICIPAZIONI In una intervista alla stampa estera

Silvio: «Alfano al mio posto»

E intanto incassa il sì al "processo breve"

angelino-alfanoNuove rivelazioni sulle nottiruby

del bunga bunga

Sono venute fuori stasera alcune sintetiche  anticipazioni sul contenuto della conversazione che ieri Berlusconi ha avuto con un ristretto gruppo di giornalisti della stampa estera. Eccole in sintesi: 1. Non riproporrò la mia candidatura alla carica di presidente del Consiglio. 2. Proporrò l'attuale ministro della giustizia Angiolino Alfano come candidato a capo del governo. 3. Sosterrò la candidatura di Gianni Letta  per il Quirinale. Poi ha ribadito le sue accuse alla magistratura e al sistema giudiziario. Il resto lo leggeremo domani sui grandi giornali che il Cavaliere ha accolto a cena. Ma nel frattempo alla Camera il Cavaliere ha incassato il sì al "processo breve" con 314 voti favorevoli e 296 contrari. La maggioranza è riuscita così a piegare l'ostruzionismo dell'opposizione.

Intanto altro tipo di anticipazioni riguardano nuove testimonianze sulle notti di Arcore. Sono quelle di due giovani donne in interrogatori per dichiarazioni spontanee  in Procura. Si tratta di Ambra Battilana e Chiara Danese, che hanno raccontato di essere state invitate a partecipare a una cena nella villa di Berlusconi dal direttore del Tg 4 Emilio Fede. Le due hanno descritto nei particolari la cena e il dopo cena a base di Bunga Bunga. Raccontano della presenza del consigliere regionale Nicole Minetti, che si esibisce in uno show di lap dance, e di Roberta Polanco. Ambra Battilana va nel dettaglio: "Berlusconi, che sta dietro di noi, ci tocca i glutei, ci palpeggia il sedere. Né io, nè Chiara lo abbiamo invitato a desistere, anche si ci siamo irrigidite, facendoli capire che non eravamo d'accordo con quanto stava facendo". Sempre secondo il racconto, le 2 giovani sarebbero state invitate a partecipare attivamente al festino, con spogliarelli. Tuttavia, sconcertate per quanto stava avvenendendo, avrebbero chiesto a Emilio Fede di andarsene. Dal canto suo il direttore avrebbe spiegato loro che se avessero deciso di abbandonare la festa, non ci sarebbe stata per lorto alcuna speranza di fare televisione. Ambra Battilana e Chiara Danese decidono comunque di andare via.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

BENIGNI celebra in Senato
IL PARTITO DI DANTE (PD)
4 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TORINO-JUVENTUS: ESPLOSIONE BOMBA CARTA26 APRILE 2015