ORA DI PUNTA

Le scommesse

come il tabacco

di Raffaele Ciccarelli

"C'è del marcio in Danimarca"... Diventa quasi facile scomodare William Shakespeare e il suo Amleto per introdurre l'ennesimo scandalo che travolge in queste ore l'Italia calcistica. C'è del marcio nel nostro calcio, si sa e si sapeva; il problema è che si continua a farsi del male da soli, creando sempre più sistemi che diventano terreno fertile, fertilissimo, per chi vuole delinquere. È una stortura nata nel momento stesso in cui il calcio, da semplice passione popolare, è diventato calcio business, fonte di guadagno, "mucca da mungere" per quanti lo guardano solo con occhi speculativi. Dove ci sono soldi si crea malaffare, nel calcio questo ha trovato e trova facile terreno con la "piaga" delle scommesse. Non è bastato il "calcioscommesse" del 1980, non è bastata "calciopoli" del 2006, non sono bastati tutti i filoni di indagine riguardanti proprio le scommesse dal 2010 in poi. Chi gestisce il calcio non vuole proprio imparare dalla Storia, creando sempre più situazioni dove maneggioni e faccendieri possono infilarsi, e purtroppo ora non solo questi.

Decidendo sciaguratamente di aprire le scommesse alle gare di Lega Pro e di Serie D si è fornito un formidabile assist alla malavita nostrana, tant'è che pare sia ora coinvolta anche la 'ndrangheta. Ma questo non ci meraviglia: il calcio è fatto da uomini, questi sono corruttibili, allora perché allargare il fronte di eventi scommettibili anche a campionati dove soldi leciti ne girano alla fine pochi, con calciatori che, avvicinati con offerte economiche che a volte valgono quanto prendono in un intero anno e anche più, ma sono soprattutto soldi “certi” di fronte a quelli leciti ma “aleatori” dei regolari ingaggi, ci mettono poco a dare un'"aggiustatina" alla loro partita, con buona pace dei valori del calcio e dello sport?

Non è logico, chiaro, ma ho scritto prima che il calcio è fatto dagli uomini (come la Chiesa, come la politica, come tutto), e non c’è nulla di più debole dell’essere umano, da Adamo ed Eva e l’Eden in poi. Questa volta, allargando e in pratica coinvolgendo il calcio minore, la scossa tellurica che ha colpito il mondo della pedata rischia di avere conseguenze più gravi e pericolose su tutte il sistema, perché se certe cose accadono al vertice, crolla la punta, ma se accadono alla base, crolla il sistema.

Soluzioni ci sono, naturalmente, ci paiono anche ovvie: chiusura delle scommesse sulle gare delle serie inferiori, lasciare solo quelle che riguardano la Serie A (togliendo anche la Serie B, debole e corruttibile come le altre, e per gli stessi motivi). È possibile fare ciò, una volta avviato questo circolo vizioso? Sarebbe possibile, e usiamo il condizionale, se non fosse che i proventi delle scommesse arricchiscono anche le casse dello Stato, per cui diventa quasi come il giochetto del tabacco, riconosciuto dannoso, ma lasciato al suo posto per i grossi introiti che garantisce. Il problema è che genera anche tumori, ma a chi importa se il paziente muore?

  Mercoledì 20 Maggio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Comunicazione a senso unico e dialettica degli opposti *...
Too-big-too-fail: paghi la multa e via come prima *...
L'ammiccamento dei candidati repubblicani ai ceti più poveri *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: Sito in aggiornamento

In queste settimane - con l'approssimarsi del compimento del 6° anno di vita -  stiamo aggiornando il sito de "l'Altro quotidiano" per renderlo più snello nella grafica, più celermente visualizzabile e più facilmente interattivo con i lettori. Ci scusiamo pertanto se dovessero verificarsi in questa fase dei piccoli inconvenienti tecnici.

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Vinna Lidrina

LE ENERGIE RINNOVABILI, IL BAMBINO E L'ACQUA SPORCA - Nel “pasticciaccio” di Via Veneto sulle rinnovabili si sta delineando uno scenario  a dir poco surreale. Dopo la levata di scudi degli operatori del settore con proteste di piazza e ricorsi vari,  la spaccatura  in casa Confindustria  con tanto  di paginate a pagamento sul quotidiano di Viale dell’Astronomia,  i tavoli a tre gambe del ministro Romani con accanto la silente Prestigiacomo e il transeunte Galan, sembrava infatti che il governo avesse capito di aver commesso quantomeno un errore di valutazione, e volesse quindi preparare un quadro  di riforma degli incentivi per il fotovoltaico che pur riducendo il valore progressivamente desse  però certezze  e tempi lunghi a un settore nascente e in forte sviluppo.

Il tetto degli incentivi. Ma  mentre quasi tutti gli operatori, e  le forze politiche parlamentari che nel frattempo avevano fatto passare un ordine del giorno alla Camera largamente  e miracolosamente bipartisan dati i tempi,  erano oramai d’accordo che bisognasse ridurre in prospettiva gli incentivi per portarsi a livelli paragonabili con gli altri paesi europei togliendo però i famigerati  tetti quantitativi in modo da evitare gli effetti speculativi della rincorsa all’incentivo più alto , la Confindustria faceva sapere di aver concordato invece con il ministro un tetto complessivo annuo per gli incentivi pari a  6 miliardi di euro a regime, oltre il quale gli stessi vengono a cessare. In pratica un tetto allo sviluppo di un settore industriale in piena crescita e peraltro  incentivato  in tutto il resto del mondo dalla Cina agli Usa. Non male per un associazione di rappresentanza di imprenditori che si picca di voler rilanciare lo sviluppo dell’imprenditoria italiana!

Contraddizioni della Marcegaglia. Ma perché la Marcegaglia è così dibattuta da scrivere nei suoi documenti ufficiali che l’Italia ha bisogno delle rinnovabili e poi di fatto volerle bloccare? Lo fa per amore dei consumatori rubando il mestiere alle  loro associazioni? La risposta ce la offre un recente articolo del Prof. G.B Zorzoli  su Quale Energia che con dovizia di particolari e dati tecnici spiega l’arcano. In realtà le rinnovabili danno tanto fastidio, non tanto per il loro costo, che in realtà sulla bolletta dei cittadini pesa pochi centesimi (per ora non si va oltre i 5/6 euro a megawatt), ma in realtà per l’esatto contrario. Perché fanno risparmiare sul prezzo dell’energia elettrica. Si avete capito bene, infatti il complesso meccanismo di determinazione del prezzo dell’elettricità fa si che l’energia offerta sul mercato elettrico venga accettata in base al merito economico, e quindi prima la meno costosa e solo alla fine la più costosa, anche se il pezzo sarà calcolato su quest’ultima. Questo meccanismo fa si quindi che siccome le energie  rinnovabili sono “prioritarie” secondo una direttiva EU e meno costose in quanto hanno la materia prima gratis vengano prima nella classifica della vendita, mentre le energie più costose e cioè quelle che si ottengono bruciando gas nelle centrali  vengano ultime nell’offerta e cioè perdano quote di mercato. E siccome le rinnovabili piacciono sempre di più agli italiani visto che oltre 200 mila se le sono istallate sul tetto di casa e visto che  invece negli ultimi anni abbiamo costruito troppe centrali a gas, i proprietari di queste ultime si stanno seriamente preoccupando per i ritorni attesi dei loro investimenti che finora erano stati a doppia cifra.  Ma non erano i consumatori gli unici che ci rimettevano di tasca loro con gli incentivi per le rinnovabili? Non proprio, anzi  se andiamo a vedere dei circa 5 euro a MW che nel 2009 hanno pagato sulla bolletta per le rinnovabili, togliendo  circa il 60% che sono andati alle finte rinnovabili o assimilate (CIP6), ci rimangono 2 euro e rotti.  

I ricorsi che preoccupano Tremonti. E se poi  andiamo a calcolare come fanno altri paesi il risparmio generato sui prezzi e la mancata importazione dall’estero di gas valutata nel 2009 in  circa 4 miliardi di metri cubi, in realtà gli incentivi pagati sono quasi pareggiati dai risparmi ottenuti. A questo punto ecco spiegato chi e perché ce l’ha tanto con il fotovoltaico. Altro che consumatori, qui parliamo delle tasche dei produttori  (tutti i nomi sono  quotati in borsa) del ciclo del gas che hanno investito centinaia di milioni di euro a centrale e vogliono rientrare nei tempi  e nella misura prevista. Ma non basta perché  a complicare ulteriormente le cose, il governo deve anche rispondere agli altri investitori, molti dei quali esteri, che hanno puntato sulle rinnovabili in Italia e che vogliono poter vedere confermati per gli impianti in costruzioni i valori degli incentivi previsti prima  del decreto Romani.  Tanto da aver minacciato una pioggia di costosissimi ricorsi nei tribunali europei che preoccupano non poco Tremonti.

Il ministro Romani tra incudine e martello. A questo punto il ministro Romani è preso tra l’incudine e il martello e si corre il rischio di vedere premiati con gli incentivi più alti quelli che lo stesso ministro ha definito come i furbetti e gli speculatori . In altre parole si  salverebbe  il bambino delle rinnovabili ma bloccandogli  la crescita  e  in più ci terremmo l’acqua sporca della speculazione. Allora un modesto suggerimento: ma perché l’Autorithy dell’energia, tanto prolifica nel fornire informazioni sul costo degli incentivi del fotovoltaico e magari un po’ meno sugli aumenti in bolletta dovuti alle tariffe biorarie, non emette un semplice regolamento che impedisca la vendita dei grandi impianti fotovoltaici superiori a 1 Megawatt o delle azioni delle società che li possiedono,  a chi li ha realizzati prima della scadenza degli incentivi, e cioè  20 anni. In un colpo solo sparirebbero il 90 per cento degli speculatori e lasceremmo gli incentivi nelle tasche di quelli che li pagano: e cioè gli italiani.

Vinna Lidrina

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

CROZZA-RENZI ALLA LAVAGNA
per spiegare #labuonascuola
15 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS LEAGUE: IL FILM DI REAL MADRID-JUVENTUS13 MAGGIO 2015