ORA DI PUNTA

Quel 50 per cento

rimasto a  casa

di Nuccio Fava

La partecipazione al voto ha mediamente subito una perdita di 10 punti rispetto al 2000. In sostanza un elettore su due non si è recato alle urne. Questo dovrebbe preoccupare ed esigere una riflessione molto più seria ed approfondita di quanto non sia finora avvenuto. Al fondo è un problema che riguarda la qualità della nostra democrazia e la sua capacità di rappresentare al meglio la volontà dei cittadini. Non credo che il modo in cui sono stati affrontati i problemi della scuola, della legge elettorale e, soprattutto della disoccupazione giovanile e il reddito delle famiglie abbiano rappresentato una sollecitazione a votare. Ha pesato inoltre moltissimo la diffusa corruzione che riguarda anche pubblica amministrazione e partiti, e che non invoglia certo ad avere fiducia nel voto. In larga misura questa insoddisfazione e sfiducia ha ingrossato, oltre le stesse previsioni, cinque stelle e lega. Quest'ultima in particolare ha primeggiato rispetto a forza Italia. Berlusconi ha costruito il suo capolavoro in Liguria con Giovanni Toti, ma ha registrato un disastro in Puglia e non solo.

Con il successo di Salvini, prevale una linea, meno estremistica ed anti-europea, che difficilmente potrebbe rappresentare un avanzamento verso una possibile alternanza al centro sinistra.

Esce sicuramente vincitore il movimento di Grillo, che riprende l'irruenza delle origini e cresce in tutte le aree del paese. Col risultato di fare emergere una nuova classe dirigente che potrebbe favorire una evoluzione sui temi delle alleanze e del governo.

In questo complessivo contesto le apparenti vittorie numeriche di Renzi, si accompagnano ad una condizione politica più precaria. La sconfitta in Liguria è lo smacco che brucia di più, già per le angustie registrate sin dai tempi delle primarie e l'uscita di Cofferati. Anche perché si acuisce il contrasto con la minoranza di sinistra, già esploso con inusitata durezza dopo la vicenda degli impresentabili. Il caso Bindi pone comunque in evidenza il tema della legalità, che in particolare riguarda la legge Severino. L'elezione in Campania di De Luca forse pone più problemi che esultanza di vittoria. Gli stessi risultati di Renzi in Toscana ed in Puglia, si realizzano con due candidati insediati molto bene sul territorio ma espressione di linee politiche non sempre in consonanza con Renzi. Il presidente-segretario esce dunque ammaccato e con problemi su un doppio fronte: quelli di partito e di rapporti con la sinistra, a cominciare dall'elezione del capogruppo alla Camera, dopo le dimissioni di Speranza, per insanabili dissensi sul "Renzullum". L'altra grande questione è ovviamente l'azione del governo e la sua efficacia rispetto alle importanti scadenze in Italia e in Europa. 

  Martedì 02 Giugno 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
L'ombra del fratello George sulla candidatura di Jeb...
Lo squallore di Blatter, lo splendore del Papa*...
Il calcio mondiale e lo sterco del diavolo  *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: Sito in aggiornamento

In queste settimane - con l'approssimarsi del compimento del 6° anno di vita -  stiamo aggiornando il sito de "l'Altro quotidiano" per renderlo più snello nella grafica, più celermente visualizzabile e più facilmente interattivo con i lettori. Ci scusiamo pertanto se dovessero verificarsi in questa fase dei piccoli inconvenienti tecnici.

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Appoggio per la Libia: Obama ringrazia Napolitano

Barack Obama ringrazia l'Italia per ''l'appoggio costante alle operazioni della coalizione in Libia sotto il comando Nato''. Al termine di una giornata forse chiave per la crisi libica, dopo la fuga del ministro degli esteri Libico in Gran Bretagna, il presidente degli Stati Uniti ha chiamato il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, da qualche giorno in visita a New York. Una conversazione i cui contenuti sono stati resi noti da un comunicato ufficiale della Casa Bianca.

Traendo spunto dai recenti festeggiamenti per il 150esimo anniversario dell'unita' d'Italia, Obama e' tornato a congratularsi con Napolitano e con tutto ''il popolo italiano'' per questa importante ricorrenza. Obama ha quindi affrontato con Napolitano il tema di maggiore risalto sulla scena internazionale, la crisi libica. ''Barack Obama - si legge nella nota diffusa dalla presidenza Usa - ha espresso il suo profondo apprezzamento al presidente Giorgio Napolitano e al premier Silvio Berlusconi per la promozione della pace e della stabilita' in tutto il mondo e per il costante appoggio alle operazioni in Libia sotto il comando della Nato''.

Il presidente americano, sottolinea il comunicato, ''ha riconosciuto la competenza e la conoscenza dell'Italia della regione libica e ha ribadito la volonta' di continuare con consultazioni ravvicinate tra i nostri due governi, in modo da agire per proteggere il popolo libico e far valere le risoluzioni 1970 e 1973 approvate dalle Nazioni Unite''.

Intanto Obama, secono l'agenzia Reuters, avrebbe già autorizzato, firmando un ordine segreto, operazioni di appoggio ai ribelli libici da parte della Cia che, secondo il sito web del New York Times, sono già iniziate "da alcune settimane", con agenti disseminati sul territorio libico per individuare obiettivi per i raid aerei e per contatti con la 'rivoluzione' assieme a colleghi dell'MI6 britannico.
E poi al quadro libico si aggiunge la notizia che ieri sera il ministro degli esteri, Mussa Kussa, è volato dalla Tunisia in Gran Bretagna, dove ha annunciato la sua defezione e l'intenzione di abbandonare Muammar Gheddafi. La Nato inoltre ha completato le operazioni di trasferimento del comando dalla 'coalizione dei volenterosi' in Libia, alle otto di questa mattina. Lo ha detto un portavoce dell'Alleanza a Bruxelles (foto)


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

CROZZA-RENZI ALLA LAVAGNA
per spiegare #labuonascuola
15 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO: NAPOLI-LAZIO 2-431 MAGGIO 2015