ORA DI PUNTA

Dal "cambio

di passo" al "passo

dopo passo"

di Nuccio Fava

Ci ritroviamo in un clima internazionale  che, se guardiano all’Ucraina, è peggiore di quello degli ultimi anni della guerra fredda, quasi non ci fosse stato il crollo dell’impero sovietico. Si era superficialmente parlato di fine della storia, che ha invece bisogno di più tempo per essere davvero umanizzata e metabolizzata con mutamenti culturali e civili profondi. All’Europa spetta un ruolo strategico in ogni direzione. Dovrebbe essere il capo del nostro governo, presidente europeo di turno, a farsene deciso promotore già al vertice di Bruxelles. Il consiglio dei ministri definito “storico” per caratterizzarlo come avvio dell’orizzonte dei 1000 giorni abbondantemente annunciato da Renzi ha avuto un andamento per certi versi singolare. L’ordine del  giorno è stato abbondantemente prosciugato, dopo l’incontro di Renzi con il presidente Napolitano ed una serie di contatti preparatori fino alla tarda mattinata. Resta in piedi il provvedimento sblocca Italia, fantasioso per giornali e tv, ma frutto essenzialmente della utilizzazione intelligente di fondi già disponibili, compresi quelli europei gestiti in modo pessimo. Nulla si conosce però del piano di lavoro e di iniziative significative per le imprese, punti fondamentali per quella ripresa che purtroppo segna la fiacca come i dati sui consumi dimostrano.

 Renzi naturalmente non ha resistito ai colpi di scena prima facendo un giro con un gelato in mano nel cortile di palazzo Chigi e presentandosi subito dopo all’incontro con i giornalisti. Con la solita verve e brillantezza, tornando a usare le slide, ha difeso la misura degli ottanta euro ribadendo che sarà proseguita ed allargata già dal 2015. Ha ribadito l’orizzonte dei 1000 giorni e indicato come metodo di lavoro “passo dopo passo” che rappresenta un radicale cambio di metodo rispetto all'impetuosità seguita sinora. La decisione più importante riguarda la riforma della giustizia che arriva però frammentata nonostante il lavoro del ministro Orlando. L’Italia rispetterà i suoi impegni con l’Europa richiamando tutti i Paesi a valorizzare la crescita e le riforme, confermando la sintonia con Draghi. Scarsi o nulli i riferimenti all’impegnativo e preoccupante quadro internazionale, anche se Renzi dà appuntamento con una nuova conferenza stampa (la seconda in 48 ore!) per oggi pomeriggio, dopo il vertice europeo. Non si smentisce mai e l’ennesimo show davanti alle telecamere si spera possa in qualche misura rassicurare gli italiani che di fiducia non ne hanno troppa se addirittura risparmiano sull’acquisto dei generi di prima necessità.

  Lunedì 01 Settembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Il tentativo di un "Mare nostrum" alla californiana *...
Banche centrali: nulla di nuovo sotto il cielo *...
  L'import-export in passivo che mortifica il nostro campionato *Dal...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Legacoop ed energie rinnovabili

Legacoop

 Sei richieste

al governo

per le rinnovabili

Sei concrete richieste sono state avanzate da Legacoop al governo in merito ai provvedimenti relativi alle energie rinnovabili che hanno suscitato critiche da parte di associazioni di imprese, sindacati, forze politiche dell’opposizione. Al termine della riunione tenuta dal Gruppo Nazionale Energia sono state sintetizzate in un documento le proposte di Legacoop che riguardano un settore di grande importanza  per l'economia del nostro paese anche alla luce del referendum con il quale viene chiesta l’abrogazione del decreto del governo  che prevede la costruzione della centrali nucleari.

Il Gruppo  Nazionale  ha dedicato particolare attenzione  sul fotovoltaico ed ha espresso una serie di preoccupazioni sul metodo e sulla sostanza del provvedimento, pur riconoscendo la necessità di meglio regolamentare la materia e nonostante che l’indirizzo complessivo sia condivisibile.

In particolare è stata espressa una forte preoccupazione per la chiusura anticipata del terzo conto energie e quindi la messa a  rischio degli investimenti previsti e dell’occupazione da parte delle cooperative e dei loro soci. E’ stata ribadita l’opportunità che il governo rivaluti tutta la materia alla luce di criteri che diano certezze, stabilità, trasparenza e riconducano ad una dinamica imprenditoriale sana.

In sintesi il Gruppo Energia di Legacoop chiede la governo :

  • 1. Che venga risolto il problema dei diritti acquisiti per i progetti sviluppatisi in coerenza con i regimi e le intensità di aiuto previste dal Terzo Conto Energia e venga di conseguenza creato un “periodo ponte” che tenga conto di tutti gli impianti realizzati, intendendo  la fine lavori e non l’allaccio come requisito vincolante al riconoscimento dell’incentivo;
  • 2. che il nuovo regime degli incentivi sia costruito sulla certezza temporale larga dello stesso regime (almeno fino al 2020), così come sulla trasparenza delle intensità degli aiuti, e quindi, il conseguente adeguamento periodico automatico degli aiuti in ragione dell’andamento dei costi industriali e di un “benchmarking” degli incentivi a livello europeo, ma senza tetti quantitativi di nessun tipo ne economico, ne sui GW installati. A questo proposito risulta utile per creare il sentiero verso la “grid  parity” prevedere un osservatorio a livello europeo sui costi delle tecnologie, onde evitare che questi ultimi siano funzione degli incentivi e non del mercato.
  • 3. che vengano confermati e ampliati per  intensità  aiuti più sostanziosi per i processi che integrano gli impianti di rinnovabili nell’ambito di più complessivi processi di efficientamento energetico.
  • 4. che vengano privilegiati e maggiormente incentivati gli impianti di rinnovabili dove ci sia coincidenza e proporzione tra produzione e consumo di energia. A questo proposito dando anche la possibilità di incentivare impianti realizzati da più soggetti in forma associata, siano essi cittadini o PMI o tutti e due, laddove il consumo e la produzione avvenga ad esempio nell’ambito territoriale di un area comunale o provinciale, ampliando quanto già previsto dall’art 27 della legge 99 del 2010 che consente ai cittadini dei comuni sotto i 5 mila abitanti di accedere  al conto energia e allo scambio sul posto anche se l’impianto è realizzato sul patrimonio edilizio del comune.
  • 5. Che eventuali meccanismi di registrazione delle priorità negli interventi siano effettati in base a criteri condivisi e con procedure on-line  trasparenti e quindi utilizzando sistemi certi di invio come la posta elettronica certificata.

6. Venga mantenuto e ampliato il meccanismo di consultazione delle parti interessate per il prosieguo dell’iter del nuovo conto energia e pur per tutti i decreti attuativi dell’attuale DLGS del 3 marzo 2011.

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

DON CIOTTI: "La lotta alla mafia
è atto di fedeltà al Vangelo"1 settembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

EUROPEI DI NUOTO: L'ORO DELLA PELLEGRINI NEI 200 SL23 AGOSTO 2014