ORA DI PUNTA

Il modello Sarko

visto dall'Italia

di Nuccio Fava

Il secondo turno delle amministrative francesi, con la ferma regola dei ballottaggi, ha confermato l’esito politico del voto di due settimane fa. Ne ha anzi rafforzato il significato, esprimendo la grande vittoria di Sarkosy, la grande crisi della famiglia socialista del presidente Hollande, i limiti strutturali della pur rilevante forza elettorale di Marine LePen i cui candidati nei mandamenti non sono riusciti a vincere da nessuna parte. Se da un lato dunque la Francia vede chiarificarsi il quadro politico, mantiene tuttavia un carico di difficoltà e di problemi non destinati a facile soluzione. Anche in Francia la crisi della politica è profonda. La stessa organizzazione istituzionale e il semi presidenzialismo non sono di per sé una strada facile.  Del resto in tutta Europa la lontananza dei giovani e la enorme diffidenza a impegnarsi e partecipare politicamente, sono causa soprattutto della crisi ideale e morale che affligge in varia misura tutta l’Europa . Condizione che va ben oltre lo stesso notevole astensionismo e si ricollega fondamentalmente alle precarietà e paura per il lavoro che non c’è, la mancanza di prospettive e progetti realistici e credibili.

C’è qui soprattutto la ragione del tracollo socialista col Presidente Hollande quasi ridotto a tagliare nastri e a partecipare a cerimonie e manifestazioni contro il terrorismo. Momenti e funzioni importanti anche queste per la forte carica simbolica di partecipazione e condivisione di valori di democrazia e di solidarietà. Dagli attentati di Parigi e Bruxelles fino al più recente dentro il museo Bardo a Tunisi, hanno visto Hollande con accanto spesso il nostro presidente Renzi e altri leader, testimoniare il no al terrorismo e il valore fondamentale di una risposta corale contro ogni tentazione xenofoba e/o di restringimento delle libertà fondamentali e irrinunciabili. Come naturale, un voto per quanto amministrativo non è privo di rilievo politico e non solo per i francesi . L’acutezza  della matita di Giannelli sul Corriere della sera di lunedì 30 marzo riassumeva significativamente il senso del voto con la sua vignetta in prima pagina. Sarkosy esce tutto arzillo da un sarcofago egizio, sottolineandone il carattere di mummia, che ritorna vispo a riprendere il proprio ruolo. Accanto, nell’altro sarcofago, Berlusconi ammirato si ripromette di poter tornare in campo.

 Il modello Sarko fa dunque breccia nel cuore dei berlusconiani che sono però tentati fortemente dall’alleanza con la Lega di Salvini, ammiratore ‘sfegatato’ della LePen che nonostante il successo di voti è rimasta fuori da ogni prospettiva politicamente rilevante rispetto al governo di tutti i territori di Francia. Non solo per Berlusconi il voto francese rappresenta occasione propizia di riflessione ed iniziativa. Anche Renzi, come presidente del Consiglio e segretario del Pd, non può restare indifferente. Nella stessa direzione Pd nessun approfondimento si è tentato a proposito della batosta riservata a Hollande e ai socialisti francesi, che pure fanno parte della stessa famiglia europea. Eppure intorno ai temi cari alla sinistra e al socialismo italiano in molti temono una deriva a destra del Pd e del governo. Oltre la minoranza interna, attenzione e rispetto senza confondersi naturalmente, richiederebbero le forze interessate alla iniziativa di Landini, e a larghi settori della società civile che in qualche modo cominciano a farvi riferimento.                                                

Inoltre c'è sempre aperta la questione dei 5 Stelle. Il dialogo è stato tentato più volte ma sempre in modo infruttuoso, non solo da Bersani, ma dallo stesso Renzi. Eppure il fenomeno 5 Stelle esprime la difficoltà maggiore che tutta la politica italiana incontra sul terreno della democrazia, della lotta alla corruzione e alla poca trasparenza che qualunque governo serio dovrebbe affrontare con ben maggiore e determinazione.

Nuccio Fava 

  Mercoledì 01 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
L'Italikum, una riforma che deforma la nostra democrazia *...
La "guerra" nel Gop e le due Camere *...
L'angoscia di quella trappola infernale a diecimila metri *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Nucleare, il governo come Macbeth

Il governo ha finalmente capito che stava andando contro vento. Mentre il mondo intero si stava interrogando e preoccupando e modificando gli orientamenti precedenti sul nucleare, i ministri italiani dichiaravano con ridicola arroganza che l’Italia avrebbe continuato nella realizzazione del programma previsto, come se il disastro in Giappone non ci fosse stato. Eppure la tragedia del Giappone ha dimostrato che il terremoto e il maremoto sono avvenimenti eccezionali ma a questi imponderabili eventi naturali si è aggiunto l’utilizzo improvvido di una tecnologia pericolosa in sé come quella nucleare, che non è possibile mantenere in sicurezza di fronte ad avvenimenti di questa portata.

Dalla Cina agli Stati Uniti, all’Europa oggi tutti si interrogano di fronte al precipitare della situazione in Giappone e i pesanti interrogativi sul nucleare sono emersi anche in settori che pure in precedenza erano decisamente schierati per il nucleare.

Qualche ora dopo i toni e le parole dei ministri italiani sono cambiati. Qualcuno deve essersi accorto che l’opinione pubblica era di avviso ben diverso. Perfino la tanto vituperata Europa, che il Ministro Maroni ha attaccato un giorno si e l’altro pure sull’immigrazione, è diventata nelle parole dei Ministri un punto di riferimento per le decisioni da prendere in Italia in materia di nucleare.

Questo conferma non solo la forzatura che è stata compiuta facendo approvare la legge 99/2009 con il voto di fiducia, ma anche il modo quanto meno approssimativo con cui il Governo si è mosso per reintrodurre in Italia il nucleare, malgrado i referendum del 1987 avessero espresso un parere contrario con maggioranze fino all’80 %.

Veronesi e Testa: confronto con Rubbia

Voto di fiducia per fare approvare la legge, Regioni relegate ad esprimere  un parere che il governo potrebbe ignorare, Comuni e cittadini praticamente senza diritto di parola, centralizzazione delle scelte di localizzazione, militarizzazione dei siti scelti per costruire le centrali: sono i passaggi principali dell’avventura nucleare voluta dal governo italiano.

Le dichiarazioni improvvide e presuntuose di Veronesi e Testa sul nucleare che - a loro dire - sarebbe sicuro sono rimaste sepolte dal disastro nucleare del Giappone e dalle limpide contestazioni del premio Nobel Carlo Rubbia.

Ora il lavoro per vincere il referendum abrogativo sul nucleare e sugli altri quesiti come l’acqua bene pubblico deve proseguire senza tentennamenti, per portare a votare la maggioranza delle elettrici e degli elettori e per fare abrogare questa legge che vorrebbe portare il nostro paese in un’avventura assurda. Solo così potremo stare tranquilli.

Non bisogna dimenticare quanto Shakespeare fa dire a Macbeth: andiamo ad ingannare il mondo.

Il ministro Romani faccia bene i conti

Questo è il vero atteggiamento del governo. Non può più negare l’evidenza, tuttavia cerca di correre ai ripari e di difendere l’avventura nucleare affermando   due assurdità.

La prima è che il nucleare sarebbe economicamente conveniente e non è vero. Il ministro Romani faccia bene i conti. Sa che in Finlandia solo per stoccare le scorie radioattive in un sito lo Stato sta spendendo almeno 3 miliardi di euro ? Per di più l’interramento delle scorie è una scelta che Usa e Francia, paesi nucleari di vecchia data, per ora non azzardano completare, infatti preferiscono tenere le scorie radioattive protette in superficie e studiare ancora prima di interrarle per 100.000 anni come dicono i finlandesi. Del resto la storia umana conosciuta è 5/6.000 anni.

Il ministro Romani sa che una centrale Epr, modello proposto in Italia, costa 8 miliardi di euro e con questi costi, aggiungendo le scorie e lo smantellamento, l’energia elettrica prodotta costerà molto di più delle altre fonti energetiche tradizionali, perfino dell’eolico ?

Inoltre dove sarebbe la promessa autonomia energetica dell’Italia ? Dovremmo importare tutto, dalle tecnologie nucleari sofisticate all’uranio, peraltro disponibile solo per alcuni decenni.

Una tecnologia che non è sicura

Costi a parte (è dimostrabile che il nucleare è una scelta non conveniente come dimostra il fatto che i privati non investono senza aiuti pubblici) la questione principale è la sicurezza. Non basta il giochetto di chiamare una centrale di terza generazione o anche di quarta per renderla sicura. Il nucleare è intrinsecamente una tecnologia non sicura. Non solo quando ci sono incidenti terribili come quelli del Giappone.  Anche incidenti meno gravi colpiscono la vita e la salute delle persone. Inoltre sono stati rilevati seri problemi anche durante il normale funzionamento delle centrali. Durante il normale funzionamento ci sono emissioni di radiazioni su cui c’è una sorta di congiura del silenzio. Queste radiazioni fanno male e in Germania uno studio su incarico dello Stato ha dimostrato che le leucemie nei bambini entro 5 chilometri dalle centrali aumentano di 2,2 volte. Più si è distanti meglio è. Non a caso è stata decisa un’area di evacuazione in Giappone. Perché le radiazioni colpiscono in rapporto al quadrato della distanza. Quando qualcuno afferma che tanto le centrali nucleari sono a 200 chilometri dal confine italiano dimentica di dire che questa è una maggiore sicurezza per il nostro paese, insieme alle Alpi che in certe circostanze proteggono l’Italia almeno in parte.

In realtà il governo, da buon gattopardo, cerca di non cambiare nulla e si limita ad affermare che rifletterà meglio sulla sicurezza.

L’unica centrale nucleare sicura è quella non costruita e quindi o il Governo abroga in parlamento la legge 99/2009, oppure si deve andare al referendum, senza pasticci. Del resto il referendum - per fortuna - è un meccanismo automatico e finchè questa legge è in vigore vive non può essere fermato.

Questa è una garanzia per le elettrici e gli elettori contro il tentativo di togliere loro il diritto di esprimersi e di bloccare definitivamente il nucleare, come il Governo ha già tentato di fare rifiutando l’abbinamento dei referendum con le elezioni amministrative.

Niente trucchi: il governo deve ritirare la legge, altrimenti si va ai referendum e si vota.

Alfiero Grandi

 


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

L'avvocato Giulia Bongiorno
e Raffaele Sollecito commentano l'assoluzione in Cassazione
Roma
30 marzo 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

VERSO EURO 2016: BULGARIA-ITALIA 2-228 MARZO 2015