ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



Vento e pioggia da nord a sud 

Una donna annega nell'auto a Pescara

Pescatore travolto dalle onde in Calabria

Drammatico salvataggio di 121 siriani sul barcone nello Jonio

Inchiesta sul motociclista schiacciato da un pino a Roma

Violentissime piogge e vento flagellano anche oggi il centro sud, particolarmente le regioni adriatiche e joniche - Marche, Abruzzo, Puglia, versante mterano della Basilicata - con esondazioni di fiumi e allagamenti. A Pescara la situazione peggiore: una donna di 57 anni, Anna Maria Mancini, originaria di S.Teresa di Spoltore (Pescara) è morta annegata nella sua auto sommersa dall'acqua in un sottopasso del capoluogo abruzzese, che pare fosse stato vietato al transito per motivi precauzionali. La donna questa mattina verso le 5.30, quando si è resa conto di essere in pericolo e di non farcela a fronteggiare la situazione, è riuscita a contattare con il telefonino il marito chiedendogli aiuto, ma ormai era troppo tardi, nessuno è riuscito a giungere in tempo per soccorrerla. Più tardi il corpo è stato recuperato dai vigili del fuoco. Sempre a Pescara, oltre un migliaio di persone sono state fatte evacuare dal Villaggio Alcione a causa dell’ingrossamento del fiume che ha superato i livelli di guardia. La maggior parte è stata portata al Palazzetto dello sport e qualcuno ha trovato una sistemazione autonoma da amici o parenti.

Pescatore annegato in Calabria. Un uomo di 30 anni è morto ed una persona di 53 anni che era con lui è rimasta ferita: sono stati travolti da un'onda del mare mentre stavano pescando alla foce del fiume Crati a Corigliano sullo Jonio in provincia di  Cosenza. Una motovedetta della Guardia di finanza è intervenuta ed un militare si è tuffato in mare ed è riuscito a recuperare i due uomini, ma il trentenne è morto mentre il cinquantatreenne è stato portato in ospedale in condizioni non gravi. Intervenuta anche la Capitaneria di porto.

Salvataggio nello Jonio. Sono stati tratti in salvo tutti i 121 profughi siriani (tra i quali una ventina di bambini) che erano a bordo di un barcone di 22 metri che da ventiquattr'ore era alla deriva al largo di Crotone, in balia del mare forza 8, tanto che i mezzi di soccorso e tre mercantili che erano in zona non riuscivano nemmeno ad accostarsi. Ma alla fine con grande coraggio Guardia Costiera e Marina Militare sono riusciti ad agganciare il natante trainandolo fino a Roccella Jonica, dove è stato effettuato il trasbordo. 

Inchiesta sul motociclista schiacciato da un pino a Roma. Una inchiesta è stata aperta anche sulla tragica fine del giovane fisioterapista Gianni Danieli, 41 anni, padre di due bambini, rimasto schiacciato a Roma sotto un pino mentre percorreva in moto, di ritorno dal lavoro, via Cristoforo Colombo in direzione di Ostia. Si dovrà accertare come mai dall'albero pendesse una catena che lo teneva legato ad altri due pini, che non sono stati sradicati. Ora si attende l'informativa delle forze dell'ordine per valutare l'apertura di un fascicolo per omicidio colposo. Il Codacons chiede la chiusura alla circolazione della Cristoforo Colombo fino a quando il Comune non sarà in grado di garantire la sicurezza di motociclisti e automobilisti e di accertare eventuali responsabilità del Servizio Giardini di Roma Capitale.

Nel Salernitano quattro vigili del fuoco sono rimasti feriti: tre a Nocera Inferiore, travolti da un albero mentre erano impegnati a rimuoverlo perché pericolante; uno a Sarno colpito da alcuni detriti trascinati dal vento forte. Scuole chiuse a Caserta. Problemi anche in Puglia. Quattro uomini, due su un trattore e due su un autocarro, sono rimasti intrappolati con i loro mezzi da acqua e fango ad Andria e sono stati tratti in salvo dalla polizia stradale. A Napoli il vento di grecale forza 9 ed il mare molto mosso hanno causato lo stop dei collegamenti marittimi con Capri e le altre isole del golfo.

Ginosa Marina (Taranto) circa 200 famiglie sono state fatte sgomberare dalle proprie abitazioni a causa di un fiume a rischio esondazione. A Trani 500 cani sono stati salvati in un canile allagato. In Basilicata tre fiumi esondati e, nel materano, famiglie sgomberate, strade invase dal fango. A Genova un volo cancellato ed uno dirottato per il forte vento. Emergenza freddo per i clochard a Milano, dove Comune, operatori del volontariato sono al lavoro senza sosta per assisterli. Fino ad oggi sono state accolte più di 1.700 persone. In particolare rimane aperto il Centro aiuto della Stazione Centrale, aperto tutti i giorni fino alle 24. 

Intanto, Coldiretti fa i conti dei danni subiti dall'agricoltura: oltre un miliardo di euro. L'organizzazione segnala "campagne sott'acqua con aziende allagate, raccolti distrutti, alberi divelti, serre scoperchiate e strade interpoderali interrotte per effetto delle precipitazioni violente e del vento forte".

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA


tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014