GENOA SENZA PACE/ Preziosi è il nuovo Zamparini, un “mangia-allenatori”. Derby di Coppa Italia con l’Entella fatale a Juric. Squadra a Prandelli, per la serie: a volte ritornano…

di FABIO CAMILLACCI/ Il Genoa cambia ancora allenatore: via Juric, arriva Cesare Prandelli. Al tecnico croato, già in bilico, è stata fatale l’eliminazione al quarto turno di Coppa Italia a opera della Virtus Entella, compagine che milita nel girone A di Lega Pro. Ma l’errore di patron Preziosi, il nuovo Zamparini del calcio italiano in quanto “mangia-allenatori”, sta a monte: l’aver cacciato Ballardini quando i grifoni rossoblu erano praticamente in zona Europa League dopo le prime giornate di campionato. L’esonero di oggi conferma dunque che quella di Enrico Preziosi fu una scelta folle, come abbiamo già avuto modo di scrivere qualche settimana fa. E così il Genoa passa Prandelli che dopo tanto tempo torna a sedersi su una panchina di Serie A, a 8 anni di distanza dai buoni campionati disputati alla guida della Fiorentina. Poi, per Cesare, il ruolo da c.t. della Nazionale azzurra (la finale di Euro 2012 persa malamente contro la Spagna e il fallimento ai Mondiali di Brasile 2014) e ben tre esperienze all’estero non proprio brillanti: Galatasaray, Valencia e Al-Nasr. Prandelli dirigerà il primo allenamento da allenatore del Genoa domani pomeriggio alle 14.30 e contestualmente alla conferenza stampa di vigilia del match contro la Spal, ci sarà anche la sua presentazione ufficiale.

Capolinea Juric. L’allenatore nato a Spalato 43 anni fa era stato richiamato sulla panchina genoana dopo la sconfitta interna col Parma (finì 1-3 per i ducali). La nuova gestione era iniziata sotto i migliori auspici. Infatti, Juric, all’esordio, era riuscito a strappare un punto alla Juventus rullo compressore all’Allianz Stadium. Ma, dopo quell’impresa il Genoa ha racimolato soltanto due punti nelle successive sei partite di campionato, frutto di due pareggi contro Udinese e Sampdoria. Per il resto, solo sconfitte: contro Napoli, Milan, Inter e Torino. Certo, bisogna ammettere che il calendario non è stato dalla sua parte, Ivan Juric però non è riuscito proprio a incidere, peggiorando di gran lunga il rendimento dei rossoblu rispetto alla gestione Ballardini. E adesso paga l’ultimo pareggio, che però si è tramutato come detto in una cocente eliminazione dalla Coppa Italia contro una squadra di Serie C. A Marassi: 3-3 dopo tempi regolamentari e supplementari e poi vittoria ai rigori per l’Entella che si impone 7-6 in questo derby ligure storico per la compagine di Chiavari. A conferma che il calcio è l’unico sport di squadra in cui non c’è mai nulla di scontato.

Commenta per primo

Lascia un commento